Il Paese Mappa Teritoriale Servizi Utili Cucina Mantovana Attività
Per sapere di + Salute e Benessere Eventi @
..IL PAESE
Breve presentazione
di Monzambano
Monzambano in Fotografia
Foto storiche tratte dal libro "Monzambano '900"
Il territorio di Monzambano foto e descrizioni tratte dal
Circolo Legambiente
Intenti
Le Cartine e Le Zone Boschive
Cartina (1989)
Cartina (1999)
Cartine confronto
Elenco dei siti individuati
Boschi di Monzambano
Prati aridi
Zone umide
Trasformazioni del Territorio


 
CIRCOLO LEGAMBIENTE
di Monzambano e Ponti s/M

I Prati Aridi

Sui versanti più ripidi, aridi e soleggiati delle colline troviamo dei piccoli appezzamenti, da molto tempo incolti, con piante erbacee tipicamente xerofile. Questi prati, che una volta erano certamente più abbondanti, venivano usati come pascolo per il bestiame.
Ora il pascolo è qui caduto in disuso ed i pochi prati rimasti sono stati abbandonati a se stessi;
la vegetazione ha così assunto sempre più l'aspetto originario.
Il suolo è in gran parte ricoperto da una cotica continua di graminacee.
Le specie che popolano i prati aridi sono moltissime e sarebbe difficile nominarle tutte, citeremo solo le più belle e significative.
Tra le erbe più caratteristiche, le prime che fioriscono sono la Potentilla primaverile che in marzo ricopre il suolo con la sua ricca fioritura gialla e la graziosa Globularia
dalle piccole infiorescenze
a forma di sfera color liliaceo. Compare in quest'epoca anche la Pulsatilla con i fiori reclinati verso il suolo, dai bellissimi petali vellutati color viola intenso.
Ai margini dei boschi, dove i prati sono sempre verdi e freschi, spunta, già alla fine di febbraio,
il Crocus dai fiori color rosa tenue striati di viola.
Sui pendii aridi spiccano i fiori gialli degli Eliantemi, e quelli color azzurro tenue della Veronica.
In Aprile compare la Pelosella, una composita con foglie pelose ed un unico capolino giallo, striato all'esterno di rosso. Fioriscono, assieme alla Pelosella, il Cipollaccio dal pennacchio, con i fiori violacei e il Muscari dai piccoli fiori globosi di color azzurro.
Come nei boschi, anche nei prati vegetano numerose orchidee selvatiche.
Compare per primo il Giglio caprino. I suoi fiori sono rosso violacei, macchiati di scuro, ma spesso anche rosati od addirittura bianchi, e sono riuniti a formare infiorescenze compatte.
In Maggio fioriscono: l'Orchidea cimicina di colore brunopurpureo, gradevolmente profumata di vaniglia; l'Orchidea bruciata, così detta per il colore bruno scuro dell'infiorescenza, l'Orchidea a farfalla una specie tipicamente mediterranea, quindi amante di climi più caldi, per la quale i colli morenici costituiscono il limite più settentrionale del suo areale.
Nei prati meno aridi, o alla loro base, dove l'umidità permane pìù a lungo, crescono l'Orchidea piramidale, dalle infiorescenze compatte di color rosa intenso.
Le Ofridi sono le più belle tra le orchidee. La prima a fiorire è l'Ofride a fior di ragno, che prende il nome dal disegno del suo labello, così simile a quello che alcuni ragni portano sull'addome; può essere fiorita già alla fine di marzo. Segue l'Ofride di Bertoloni, detta anche uccelletti allo specchio per la grande macchia lucente, azzurra o violacea, che porta sul labello.
In Maggio fiorisce anche l'Ofride a fiore d'ape con il labello vellutato, rosso bruno, con linee gialle e violette che disegnano una specie di bavaglino alla base. Molto complesso è anche il disegno dell' Ofride dei fuchi che fiorisce più tardi in alcuni prati nei boschi di Volta e dì Castellaro.
E' rarissima. Molto interessante è l'impollinazione delle Ophrys. Esse non sono dotate di nettare, né profumate, come tipicamente avviene nelle piante impollinate da insetti. Esse hanno modellato il loro labello a forma di insetto: i maschi della specie imitata, credendo di fecondare una propria femmina, si posano così sul labello e raccolgono il polline, che forma due masse vischiose alla sommità del fiore. Quando raggiungeranno un'altra ofride, e non può essere che della stessa specie, la sua fecondazione è assicurata.

 

EVENTI A MONZAMBANO


Ferlenga di Ferlenga Gian Pietro e C. S.n.c. Via Valeggio, 1 46040 Monzambano ( MN ) Partita IVA e Codice Fiscale 01580130209